Non Voglio Pensare




Non mi appartengono più quei
teneri momenti che mi inducevano
a contemplare un fiore di primavera,
o il volo di un gabbiano controvento.
Ma lo dico per dimenticare i tempi in
cui tutto riusciva a sorprendermi: la
gonna mobile del vento di una donna
sconosciuta, o sorpreso come una festa
 al mare. E mi ritrovo con i pensieri
a sconfiggere la nostalgia per non
rivivere nel rimpianto gli amori
non compresi, offesi; non voglio
pensare a quei momenti di baci e
tradimenti adesso che il tempo
dell'amore non ha futuro, e dubito
nei miracoli degli angeli feriti, poiché
non si muore mai abbastanza sulla
vita degli altri, e sulla mia, di questa
quasi inesistenza che fa di me
un sopravvissuto.





2012
Posta un commento