Braccia Arrese



Se nel mio guardarti non vedo oltre
la luce dei tuoi occhi, e se nel mio
ascoltarti non sento quando pronunci
sottovoce il mio nome, non posso e non
voglio pensarti immagine sbiadita tra
queste mie braccia arrese.

 Adesso disposta in un colpo di tosse 
a cogliere l'attimo per un gaio
grappolo d'amore da spremere sul cuore.

Non sei più fiore al vento che si spoglia
  lentamente lentamente dei suoi teneri
petali indifesi.

Ma tu nulla vuoi sapere dei fiori;
dei miei consigli che poco son serviti.


Resta  il ricordo di quando eri per me
 la più bella delle rose del mio giardino,
   dove le fievoli  farfalle di carta ora si 
scolorano tra queste mie parole inutili;
di questo amore sbiadito.





2010







  

6 commenti:

Mercedes Ridocci ha detto...

Siento muchísimo no poder leer bien tus textos. La traducción no es buena y rompe el ritmo.

De todas formas me pasearé por tu espacio.

Un saludo y gracias por tu comentario en mi blog

liberaessenza ha detto...

dolcemente malinconica...bella!

..il potere dei sogni.. ha detto...

mi piace, mi piace e mi piace!

Citronella ha detto...

Ciao sono tornata.

Io non mi arrendo mai!

Sara ha detto...

Bellissima!

Luca and Sabrina ha detto...

Non sono mai inutili le parole, soprattutto le tue e ci sono immagini che hai messo tra i versi che mi rimarranno impresse a lungo, hai un dono che è incantarmi!
Un bacio
Sabrina