Tre Colori




Oggi sono spento nell'anima.
Stanco dei pensieri esteriori delle persone,
 di questa irremovibile girandola a senso
unico, dove il tempo si è assorbito il tanfo
 dell'incongruenza.
Stanco della banale arroganza, dei finti 
 eroi senza onore, degli angeli senza cielo, di
false emozioni.
Sono stanco dell'invidie tra sessi, dei
colori razziali, della falsa cultura, di chi
si proclama fortunato vincitore, degli
umili senza orgoglio. Sono stanco di questa
storia che non fa più storia in questo tempo
sterile, in questo tempo di gente appagata
nei loro cantucci di vanità, lontano dalle
incertezze di chi si 'droga fuori dai salotti'.
Sono stanco di questo mondo incasinato: di
donne e uomini tutti uguali sopra un carro di
pubblicità; di questo mare senza orizzonti,
senza domani, di onde prive di beatitudine:
onde perfide, di gente che respira rabbia e
sputasentenze a chi crede ancora nell'amore.
Sono stanco dell'infame superbia, dei gelosi,
 degli illusi potenti: grandi piccoli comuni mortali
arruffati dentro i loro profitti. Sono stanco
dell'immenso grigiore che mi circonda;
di questa libertà che puzza d'imbroglio.

Percio'. Ho deciso di colorare la vita in tre colori:
userò la tinta rossa perché torni a scorrere
nelle vene la passione, il verde perché torni
la speranza di ricominciare da zero, il bianco
l'userò per chi è sporco più di me.





2001

Posta un commento