Dopotutto..


lettera erotica-d'amore


Amarti per quel che sei mi consola, tu
che amar non sai, e dai al primo che
ti sorride il frutto amaro del tuo miele.
Non importa se domani ti concederai
una volta di più nelle braccia di un
nuovo itinerario che dura il tempo di  
un orgasmo; dopotutto, per te è poco
più di un sogno che al mattino ricordi i
suoi contorni. I nomi dimenticati, forse
insieme al mio, mi fanno pensare alla
donna che sulla schiena nuda aveva un
neo, e la sua pelle calda su di me era
l'incontenibile furia di una puledra in
calore; poco importa se un anima non
hai, dopotutto per te l'amore non è altro
che una linea sottile che sconfina con la
gaia follia, come quando con un dito mi
indicavi alla lingua il bottone di voglia
che colava gli umori del tuo piacere. 
Ed eccomi qui, a fissare i tuoi occhi neri,
mentre muoio una volta ancora dentro te.
Dopotutto.. anche le streghe hanno un cuore.





2012