Incontrollabili Passioni


(lettera erotica- d'amore)





Non sarò mai sazio di te o mia
angelica creatura, tu che prendi e dai
instancabile energia.

Pelle di pesca, labbra vogliose di saliva
e di lingua su di me. Un po' casta, un po'
puttana; quindi per me santa.
Sei la dolce follia quando il tuo viso
si specchia nel mio.

Premi bramosa i tuoi capezzoli nudi
tra la mia barba incolta, e come piace
a te, accendi incontrollabili passioni.

Sollevi la gonna sul viso, la trattieni
ferma tra i denti affinché io possa
possederti con tutto me stesso, fino
in fondo al tuo profondo bagnato
d'amore.

Inevitabili zampilli piovono su te,
come sorgente schiumosa che bagna
il muschio scivoloso sopra sassi al sole.

O mia angelica creatura, tu che non mi
basti mai, tu che prendi e dai quando
ti pare quel tanto che basta per farmi
impazzire.




2011

Tre Colori




Oggi sono spento nell'anima.
Stanco dei pensieri esteriori delle persone,
 di questa irremovibile girandola a senso
unico, dove il tempo si è assorbito il tanfo
 dell'incongruenza.
Stanco della banale arroganza, dei finti 
 eroi senza onore, degli angeli senza cielo, di
false emozioni.
Sono stanco dell'invidie tra sessi, dei
colori razziali, della falsa cultura, di chi
si proclama fortunato vincitore, degli
umili senza orgoglio. Sono stanco di questa
storia che non fa più storia in questo tempo
sterile, in questo tempo di gente appagata
nei loro cantucci di vanità, lontano dalle
incertezze di chi si 'droga fuori dai salotti'.
Sono stanco di questo mondo incasinato: di
donne e uomini tutti uguali sopra un carro di
pubblicità; di questo mare senza orizzonti,
senza domani, di onde prive di beatitudine:
onde perfide, di gente che respira rabbia e
sputasentenze a chi crede ancora nell'amore.
Sono stanco dell'infame superbia, dei gelosi,
 degli illusi potenti: grandi piccoli comuni mortali
arruffati dentro i loro profitti. Sono stanco
dell'immenso grigiore che mi circonda;
di questa libertà che puzza d'imbroglio.

Percio'. Ho deciso di colorare la vita in tre colori:
userò la tinta rossa perché torni a scorrere
nelle vene la passione, il verde perché torni
la speranza di ricominciare da zero, il bianco
l'userò per chi è sporco più di me.





2001

Lune Rosse




Due bicchieri di felicità per brindare
al nostro pazzo amore: bello come un
 film di spiagge hawaiane; con i tuoi
 occhi languidi che brillano
nei miei, mentre la musica delle onde
culla le nostre vibrazioni d'amore
in queste straordinarie notti di lune
rosse. Tu che sei quella che non chiede
mai, e fai di me un guerriero di pace,
tu che quando ti vesti di sorrisi fai
splendere il sole nei cieli dipinti di
arcobaleni che cancellano il grigio
delle delusioni, tu che sai leggere in
fondo ai pensieri che custodisco per te,
quando ti spogli per fare l'amore intanto
  che canti la canzone che ho scritto per te,
diventi una stella che arrossisce davanti alla  
luna che splende nel cielo dei nostri peccati.
Tu che sei frutto da mordere e succhiare dalle
tue labbra che sanno di sale, che dissetano
 la fame sotto queste notti accese di lune rosse.




2011